CAMMINO DI SANTIAGO – riflessioni alla fine della prima parte

Molto tempo fa, un esploratore europeo decise di avventurarsi negli inospitali territori dell’Africa. Era accompagnato soltanto dai suoi portatori, ed il loro obiettivo era avanzare a tutti i costi, il più velocemente possibile.

In presenza di un fiume, lo guadavano rapidamente. Se spuntava una collina, affrettavano il passo per non perdere nemmeno un minuto. Camminarono per giorni, senza mai rallentare. D’un tratto, però, i portatori si fermarono; così, senza preavviso, lasciando interdetto l’avventuriero.

Egli chiese: “Perché vi siete fermati? Siete forse già stanchi?”.

Uno dei portatori lo guardò e rispose: “No signore, non siamo stanchi. Ma abbiamo camminato talmente velocemente, che abbiamo lasciato indietro le nostre anime. Ora dobbiamo fermarci, se vogliamo che ci raggiungano”.

(Antica storia africana)

 

Ecco, questa è la risposta a chi mi chiede perché ho deciso di iniziare il Cammino di Santiago. Stavo correndo così veloce, da non riuscire quasi più a fermarmi.

Così, quando prima della partenza preparavo il mio zaino, inconsciamente stavo già facendo ciò di cui avevo bisogno: liberarmi del peso superfluo.

Selezionare ciò che era necessario, da ciò che non lo era.

Perchè vedere a cosa sei disposto a rinunciare, è l’unico modo per capire chi vuoi diventare.

E questo è il motivo per cui, visto che dopo i primi due giorni stavo di nuovo correndo, una fastidiosa tendinite è arrivata in mio soccorso; obbligandomi a rallentare, mi ha così permesso di avere ciò di cui avevo bisogno.

Perché è vero quello che dicono: il Cammino di Santiago, ti dà quello di cui hai bisogno.

Nonostante abbia fatto solo 2 settimane, ho ricevuto tantissimo.

Ed tornerò presto, riprendendolo là dove mi sono fermato.

Intanto, continuo a sentire Paola e Gianluca. E ho scoperto che Gianluca -già autore di un libro sul Cammino di Santiago- sta raccontando quello che è il suo secondo Cammino sulla sua pagina fb Oltre Santiago.

Se qualcuno volesse rimanere immerso in questa splendida avventura ancora per qualche settimana, ora sa come poterlo fare.

Buen Camino amico 🌻

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *