BORDEAUX, FRANCIA – Giorno 3 – Febbraio 2018

GIORNO 3

Ore 9:30: sveglia comoda.

Ore 10:00-13:00: tipica giornata da turista, comprendente colazione abbondante, passeggiata sulla Garonne e visita al museo del vino.

Ore 13:00: pranzo presso il tipico Marchè des Capucins. Direttamente al banco del pesce, con 9€ arrivano pane, 6 ostriche giganti e bicchiere di vino. Mentre io vado di ostriche e champagne, lei mangia 3 pezzi di baguette (secondo me del giorno prima). Mi sento un po’ una merda, ma solo per un quarto d’ora.

Ore 15:00: pullman per l’aeroporto.

Ore 18:00: siamo in aereo. Il sole è basso, e si nasconde dietro una nuvola. Fra lei e l’orizzonte un pezzo di cielo: piccolo, ma sufficiente. Sufficiente per permettere al sole che scende (che chiamerò SCS) di darmi un’ultima saluto, e farmi l’occhiolino.

-“Hai visto che è andata bene?”, mi dice SCS.

-“Lo so zio (fra me e SCS c’è confidenza) però sai che io non sono mai sicuro di niente; e un tuo saluto ogni tanto, giusto per dirmi che va tutto bene, non fa mai male”.

-“Scusa se interrompo il momento romantico. Tua figlia sta colorando di blu il tavolino di Easyjet. Se proprio deve, passale l’arancione.”

Penso che questi 3 giorni siano stati splendidi. Pensavo di rientrare come un maratoneta al termine della gara: soddisfatto per avercela fatta, ma massacrato. E invece mi sono divertito.

Cazzo se mi sono divertito.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *